martedì 18 agosto 2009

Apocalypse Now redux


Titolo originale: Apocalypse Now
Paese: Stati Uniti
Anno: 1979
Durata: 153'
Colore: colore
Audio: sonoro
Genere: guerra, drammatico
Regia: Francis Ford Coppola
Soggetto: Joseph Conrad (romanzo)
Sceneggiatura: Francis Ford Coppola, Michael Herr, John Milius

Interpreti e personaggi
* Marlon Brando: Col. Walter E. Kurtz
* Martin Sheen: Cap. Benjamin L. Willard/Narratore
* Robert Duvall: Ten. Col. William "Bill" Kilgore
* Frederic Forrest: Jay "Chef" Hicks
* Albert Hall: George Phillips
* Dennis Hopper: il fotoreporter
* Harrison Ford: Col. Lucas
* Francis Ford Coppola: regista televisivo
* Vittorio Storaro: operatore TV
* Dean Tavoularis: fonico TV
* Mark Coppola: annunciatore
* Sam Bottoms: Lance B. Johnson
* Bo Byers: serg. MP
* Larry Carney: serg. MP
* G.D. Spradlin: generale Corman
* Chynthia Wood: Playmate dell'anno
* Colleen Camp: Playmate "Miss Maggio"
* Linda Carpenter: Playmate "Miss Agosto"
* Laurence Fishburne: Clean
* Scott Glenn: Cap. Richard M. Colby
* Christian Marquand: Hubert De Marais[1]

Doppiatori italiani:
* Pino Colizzi: Martin Sheen
* Sergio Fantoni: Marlon Brando
* Gianni Marzocchi: Robert Duvall
* Michele Gammino: Albert Hall
* Manlio De Angelis: Harrison Ford
* Sandro Acerbo: Laurence Fishburne
* Romano Ghini: Frederic Forrest
* Loris Loddi: Sam Bottoms
* Renato Izzo: Dennis Hopper
* Sergio Fiorentini: G.D. Spradlin

Fotografia: Vittorio Storaro
Montaggio: Lisa Fruchtman, Gerald B. Greenberg, Richard Marks, Walter Murch
Musiche: Carmine Coppola, Francis Ford Coppola, Mickey Hart
Scenografia: Dean Tavoularis, Angelo P. Graham, George Nelson
Costumi: Charles E. James

Premi:

* Festival di Cannes 1979: Palma d'Oro (ex-æquo con Il tamburo di latta)
* 2 Premi Oscar 1980 (su 8 nomination): Oscar alla migliore fotografia, Oscar al miglior sonoro
* 3 Golden Globe 1980 (su 4 nomination): Golden Globe per il miglior regista, Golden Globe per il miglior attore non protagonista (Robert Duvall), Golden Globe per la migliore colonna sonora originale
* 1 David di Donatello 1980: miglior regista straniero
* 2 Premi BAFTA: BAFTA al miglior regista, BAFTA al miglior attore non protagonista (Robert Duvall)

trama
il capitano Willard viene chiamato a compiere una delicatissima missione segreta per conto dell'esercito americano. deve mettersi sulle tracce di un brillante comandante che da tempo stava creando problemi perchè ritenuto a capo di gruppo di cambogiani che agivano contro l'esercito.
sullo sfondo la sanguinaria guerra del Vietnam, morte e distruzione in ogni angolo attenderanno il capitano e i suoi soldati.
a bordo di un battello dell'esercito vedranno scorrere davanti ai loro occhi le sanguinose guerriglie e le perdite non mancheranno.
una volta giunto alla fine del suo viaggio, quando finalmente il famoso soldato Kurtz sembra essere vicino, Willard si ritrova ad essere stremato e torturato per poi poter compiere finalmente la missione per cui era stato chiamato...

recensione
ho sempre avuto grossi pregiudizi nei confronti delle pellicole incentrato sull'insidioso tema della guerra.
avevo avuto modo di guardare solo poche scene in film come "Forrest Gump" e "Black Hawk Down", ma spesso trovavo quelle sequenze piuttosto noiose.
Apocalypse Now è del tutto ambientato durante la guerra del vietman, e devo ammettere che solo dopo la visione di questo film mi è chiaro come mai Francis Ford Coppola è annoverato tra i migliori registi del nostro tempo, e nemmeno a torto aggiungerei.

oltre la trama, oltre il documentario, oltre la morte, questo film permette di entrare nella guerra.
sono perfettamente daccordo con le parole che Coppola ha utilizzato per descrivere la sua pellicola, perchè
Apocalypse Now non è un film sul vietnam, è il vietnam.
questa aura di verità l'ho percepita nonostante lo scontro sia avvenuto molto prima della mia nascita, per cui non sentivo propriamente sulla mia pelle questo tema tutt'oggi ancora caldo.
non avevo mai avuto modo di vedere un film con Martin Sheen, la sua interpretazione intensa e talvolta stanca mi è piaciuta particolarmente.
non ho mai nascosto che considero Marlon Brando il miglior attore mai esistito; è capace di raccontare una storia e di essere espressivo anche tramite una fotografia, perchè per gran parte della pellicola saranno le sue immagini a parlare per lui.

semplicemente epico l'incontro tra il capitano Willard e Kurtz. quasi tutte le scene sono state girate nella penombra.
il volto di Marlon Brando non è quasi mai del tutto visibile e questo non fa che crescere la curiosità dello spettatore nei confronti di questo personaggio chiave.

bella la sceneggiatura e la colonna sonora, indimenticabile il brano di apertura e chiusura "the end" dei Doors.

trailer

6 commenti:

  1. Io ho registrato di recente Heart of darkness, il documentario sulla produzione del film, e sono curioso di vederlo per saperne ancora di più. Grazie al cielo Coppola non ha mandato all'aria Hollywood, ci avrebbe pensato I cancelli del cielo...

    Questo film è nelle nomination del primo questionario del Torneo degli Oscar, dove si arriverà ai premi (non tutti) “denoaltri” blogger. Se sei d’accordo,e se non vuoi votare gli altri Oscar, inserisco automaticamente il tuo voto per questo film in tutte le categorie nel tabellone. Fammi un fischio qui o nel blog del mio nick.

    RispondiElimina
  2. ciao! grazie mille per essere passato, per il tuo commento e per la bella iniziativa.
    ho dato un'occhiata al tuo blog ed ho visto un pò il torneo degli oscar. potrei divertirmi a votare io stessa; davvero molto carina la tua idea.
    ripassa a trovarmi quando vuoi ;) ciao a presto :)

    RispondiElimina
  3. Spero l'Academy non mi faccia causa, intanto si continua. Fammi sapere se vuoi continuare a votare...

    RispondiElimina
  4. ahahah spero di no XD
    certo tienimi informata quando c'è nuovamente bisogno che voti che non mancherò ;)

    RispondiElimina
  5. Infatti è uscito il secondo questionario, con le nomination del 1981.

    RispondiElimina
  6. bene allora vado a farlo XD a prestooo

    RispondiElimina

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin